Home » Primo Piano » GEASC » Contare fino a 20…

Contare fino a 20…

Caro Consigliere Saporiti,
non si può andare in casa degli altri, prendere a ceffoni le persone e poi dire che la discussione in questa sede è finita.
Allora ri-formuliamo le questioni per punti, magari siamo più chiari e non dobbiamo essere costretti a ripetere ogni volta.
1) Noi Fagnano ha proposto il nome dell’attuale presidente di Geasc, vero, ma egli non può dettare la linea e nemmeno far fare quello che ci piace a Noi. Il motivo è semplice: non abbiamo la maggioranza in consiglio e siamo all’opposizione, non abbiamo i poteri e la forza per farlo e se lo facessimo saremmo di fronte a una scorrettezza amministrativa ed a un non rispetto degli statuti e dei regolamenti.
Vale la pena citare lo statuto:
Presidente del Consiglio di Amministrazione: Attribuzioni
Il Presidente del Consiglio di Amministrazione ha la rappresentanza istituzionale dell’Azienda; mantiene i rapporti con le autorità comunali, regionali e statali; assicura l’attuazione degli indirizzi del Consiglio Comunale ed attua un costante collegamento e raccordo tra la Direzione ed il Consiglio di Amministrazione.
Dobbiamo dedurre che lei sia piuttosto anarchico e andrebbe volentieri contro le regole.

2) Secondo lei noi non ci siamo distinti per la brillantezza di idee su Geasc e le nostre sono chiacchiere da campagna elettorale. Se lei non ricorda ci pensiamo noi a rammentarle che abbiamo fatto convocare più di un anno fa una riunione su Geasc, siamo stati gli unici a portare proposte concrete, che sarebbero dovute partire da una modifica dello statuto, ora ci spieghi come facciamo a modificare uno statuto senza avere i voti in consiglio? Ricordiamo anche che le nostre proposte sono state cassate con sarcasmo e che per il resto della serata avete discusso dell’arredamento della farmacia e del sesso degli angeli. Le nostre proposte ci sono e se ha pazienza le ascolterà al momento opportuno.

3) In ultimo. È vero, abbiamo visioni diverse ma anche modi di comprendere le cose diversamente. Sperando però che anche per lei, se una cosa è bianca non potrà di certo essere verde e poi del resto le sue sono sempre illuminate oggettive riflessioni e mai attacchi politici. Siamo sempre noi a non capire.